l'enciclopedia on line gratuita del vino
Enopress media partner
vedi in VERSIONE MAGAZINE
Pagina principale
Vetrina
Pubblica su Wikivini
Eventi in rilievo
Perchè il vino si colora ?
Glossario del vino
Paesi produttori di vino
Tipologia dei vini
Tipologia di Uva
Vini per regione
Segnalaci un vino
Pubblicità su WikiVini
Regole di pubblicazione
Policy sui "Cookies"
Le ricette di Wikivini
Le ricette degli utenti
Cocktails
Dessert
Pubblica una ricetta
Video
Podcast (audio)
Contattaci
Redazione

Denominazione dei vini

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

VINI ROSSI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

VINI BIANCHI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

VINI ROSATI

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
DOC Vigneti della serenissima
[modifica] ultima modifica: 28-03-2018 08:36

download (9)

Premessa :
Il nome Serenissima Repubblica di Venezia, nota anche solo come Serenissima, storicamente si riferisce ad uno Stato indipendente che VIII secolo al 1797, con capitale la città di Venezia, ha governato i territori veneti e di gran parte dell’attuale Italia nord-orientale, nonché delle coste e delle isole orientali del mare Adriatico fino alla Grecia. Durante questo periodo la produzione di vini bianchi freschi sulle colline venete, pur presente sin dall’ epoca romana, ha trovato il suo sviluppo; in quest’epoca infatti gli aristocratici veneziani e i ricchi commercianti della Serenissima avevano fatto costruire ville palladiane e poderi su tutto l’arco collinare veneto, sia a scopo residenziale, sia al fine di produrre alimenti e vino anche da offrire agli illustri amici ospitati nelle
ville. Questa viti-vinicoltura, che possiamo definire “aristocratica”, vide impegnate le grandi famiglie veneziane in una gara qualitativa per la produzione dei vini migliori e permise anche ai contadini della zona di acquisire nuove informazioni e nuove tecniche vitivinicole, specializzandosi in particolare nei vini bianchi freschi e frizzanti.

Numerosa bibliografia testimonia che i Vigneti della Serenissima possedevano una qualità che i vini “foresti” (stranieri) spesso non avevano, grazie sia alla predisposizione ambientale alla coltivazione della vite, sia alla corsa al miglioramento della qualità da parte dei nobili, per affermare il loro prestigio anche nella produzione vitivinicola.
Il comparto viti-vinicolo dell’area compresa nella denominazione, a partire dagli anni ’50 del dopoguerra, ha visto lo sviluppo di un’intensa attività di ricerca e sperimentazione finalizzata ad ottenere vini bianchi spumanti e frizzanti di qualità; tecnici, ricercatori e operatori hanno migliorato la selezione varietale e le scelte clonali, le tecniche di coltivazione ed i sistemi di allevamento della vite, allo scopo di esaltare nelle uve, le peculiarità atte a divenire vini bianchi frizzanti e spumanti.

download (8).jpg Il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, durante la presentazione dello spumante DOC SERENISSIMA

 

Ecco uno stralcio del DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DOC “VIGNETI DELLA SERENISSIMA” O “SERENISSIMA” (Approvato con DM 22.11.2011 G.U. 294 - 19.12.2011 Modificato con DM 07.03.2014)

La denominazione di origine controllata “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” è riservata ai vini spumanti ottenuti esclusivamente con la rifermentazione in bottiglia, che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione, per le seguenti tipologie:
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima”
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” rosè
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” millesimato
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” riserva
I vini della denominazione di origine controllata “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima”devono essere ottenuti dalle uve provenienti da vigneti aventi in ambito aziendale la seguente composizione varietale: Chardonnay e/o Pinot bianco e/o Pinot nero.

Le uve atte a produrre i vini spumanti “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” devono essere ottenute nelle aree di collina e montagna di spiccata vocazione viticola delle provincie di Belluno, Treviso, Padova, Vicenza e Verona.
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a Doc “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” devono essere quelle tradizionali e tipiche delle specifiche aree di produzione e, comunque, atte a conferire alle uve, ai mosti e ai relativi vini base le specifiche caratteristiche di qualità previste dal presente disciplinare.
In particolare le condizioni di coltura dei vigneti devono rispondere ai seguenti requisiti:
- In giacitura acclive e comunque bene esposti, sono esclusi i fondovalle,
- la quota massima è di 700 m s.l.m.,
- le forme di allevamento consentite sono quelle a cordone speronato, Guyot e capovolto
(semplice e doppio), con densità minima di ceppi ad ettaro non inferiore a 3.500, calcolata sulsesto d’impianto;
- Pergoletta veronese e pergola trentina con densità minima di ceppi ad ettaro non inferiore a 3.000, calcolata sul sesto d’impianto;

Le operazioni di vinificazione, elaborazione ed affinamento devono aver luogo nel territorio della Regione Veneto.

La resa massima dell'uva in vino finito pronto per il consumo non deve essere superiore al 65%.

I vini spumanti “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” devono essere elaborati con il metodo della rifermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale o classico.
I vini “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” e “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” rosè devono essere commercializzati nei tipi da brut nature a sec,

“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” millesimato da brut nature a dry,

“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” riserva da brut nature a brut.

I vini a denominazione di origine controllata “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima”
devono permanere sui lieviti di fermentazione per almeno:
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” 12 mesi
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” rosè 12 mesi
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” millesimato 24 mesi
“Vigneti della Serenissima” o “Serenissima” riserva 36 mesi

L’area della DOC “Vigneti della Serenissima” o “Serenissima”, si estende nell’area montana e collinare delle Province di Belluno, Treviso, Padova, Vicenza e Verona, posta ad arco tra la catena delle Alpi a nord e la pianura Padana a sud.
I suoli, a seconda delle zone collinari, hanno un’origine vulcanica o sedimentale; i terreni
provenienti dallo sfaldamento di tali rocce, si presentano mediamente superficiali, con presenza diffusa di scheletro che permette un ottimo drenaggio delle acque piovane.
I vigneti sono situati quasi esclusivamente su terreni situati in pendio, la maggior parte dei quali i volti verso sud. Il clima di tale area, protetta a nord dalla catena montuosa rivolta a sud verso il mare, presenta delle caratteristiche marcatamente differenti rispetto alle aree della pianura: una piovosità mediamente più elevata rispetto a quella della pianura che, grazie alla pendenza dei terreni e alla granulometria dei suoli, garantisce un apporto limitato di acqua senza ristagni; le estati sono fresche e ventilate e caratterizzate da marcate escursioni termiche notte-giorno durante l’estate e in autunno prima della vendemmia.

Redatto da   Sorsi di vino e chiacchiere di  Paola Bonomi

 

 


ARCHIVIO

[DOC Vigneti della serenissima] • [Montello Rosso Docg] • [Dolcezze enologiche dalla Puglia: il primitivo di Manduria dolce] • [Lison Docg : tra Veneto e Friuli Venezia Giulia] • [Enopress - Wikivini, un incontro con vista sul futuro.] • [La logistica nel food beverage] • [Il Sassinoro di monte solaio, Syrah in purezza] • [RISORGIMARCHE: GRAN FINALE ANCHE PER LE ISOLE DEL GUSTO AI CONCERTI DI DE GREGORI, GAZZE’ E BERSANI] • [Il vino versoaln, la vigna più antica del mondo] • [VINO: BOLLANI DOC ALLO SFERISTERIO DI MACERATA PER CONTAMINAZIONI LIRICA-VINO] • [Facebook, risorsa anche per il vino.] • [Tutte le info sul Chianti ?...WeChianti!] • [Salvaguardia degli agrumenti] • [L'amatriciana, valore nazionale] • [I principi attivi dell'uva] • [Il vino e l'antica Roma] • [L'Amarone di Giuseppe Quintarelli] • [WIKIVINI apre ai contenuti in lingua Russa.] • [La storia di Bacco] • [Il vino nella storia] •
Antica Corte Albano Laziale